Il giro del mondo in 60 secondi ore 13:16′:40″ – Boquete (Panamà). Storia di María Esther

  • Le storie si svolgono tutte nei secondi successivi alle ore 20:16 del 7 aprile 2015. Quando in Italia è in vigore l’ore legale (utc+2)
  • Alcune parole nei racconti saranno linkabili. Vi porteranno a siti che ho utilizzato per informarmi. Nel caso voleste approfondire. 
  • Nello spazio “commenti, alla fine del testo del racconto potete, se vi va, decidere di continuare la mia storia, immaginando il seguito. Sarebbe gradito 😉
  • Non è difficile che possano esserci qua e la degli errori riguardo nomi, usanze, prodotti o altro. Se li notate e vorrete correggerli, sarà un piacere per me, avere avuto informazioni migliori.
  • Non tutti i servizi orari concordano sugli orari. Io non avendo cugini a cui telefonare sparsi per il mondo, mi sono affidato esclusivamente al servizio orario di google.
  • E’ gradita la condivisione… Tanto non costa nulla 😉

Il giro del mondo in 60 secondi

ore 13:16′:40″ – Boquete (Panamà).

Storia di María Esther

Racconto di Elisabetta Malantrucco

 

fonte foto https://www.flickr.com/photos/terraorquidea/galleries/72157629177366062/
fonte foto https://www.flickr.com/photos/terraorquidea/galleries/72157629177366062/

María Esther si è tolta i guanti; lo fa ogni volta, quando vede che qualcosa non va. La Cattleya aurantiaca dall’arancio acceso oggi è stranamente sbiadita, come se avesse una sua qualche preoccupazione; sembra leggermente ripiegata su se stessa. Niente che un occhio normale possa rilevare: la bellezza sembra essersi fermata lì, immobile, come in un quadro di Monet.

Ma non è così per María Esther, che sa bene quando qualcosa non va e sa riconoscere i segni della sofferenza: María Esther non conosce bene l’anima degli uomini, ma quella dei suoi fiori non ha segreti per lei.

Forse anche l’orchidea ha capito quello che accadrà domani all’alba e si preoccupa per la sua amica che ama la Botanica; ‘che intenzioni ha? Perché intraprende un così lungo cammino di tante ore, da sola? E perché lascia da soli noi, i suoi amatissimi fiori? Come faremo domani senza le sue mani buone e leggere?’

Istintivamente María prende e stringe tra le mani il piccolo pendente in argento, con il chicco di caffè che vi ha fatto incastonare e che non toglie ormai da cinque anni, neanche quando si lava. Lo porta lì, appoggiato sul cuore. Quel chicco glielo ha regalato Guillaume, prima di ripartire verso la sua casa lontana: ‘Anche in Francia ci sono orti e giardini; appena trovo quello adatto a te ti manderò il biglietto per raggiungermi’.

Ma evidentemente un giardino come Mi jardín es su jardín in Francia non c’è… Tantomeno a Fontainebleau, (Île-de-France, Senna e Marna, 77300): mille lettere spedite, nessuna risposta, mille mail mandate, nessuna risposta, mille chiamate fatte, nessuna risposta, mille sogni sognati, nessuna risposta…

María Esther non conosce bene l’anima degli uomini, ma quella dei suoi fiori non ha segreti per lei.

Un sorriso sereno le passa sul viso e anche l’arancio dell’orchidea, allora, ritorna acceso: ‘Niente paura amica mia, non farò nulla di pericoloso: all’alba salirò sul grande Barù e ci getterò dentro questo chicco. E il Barù dopo cinquecento anni si risveglierà per magia e per magia scoppierà. E l’aroma si diffonderà in ogni angolo della terra. E io, finalmente, sarò libera’.

La Cattleya ora sembra tranquilla e sembra quasi che guardi il cielo. María Esther posa di nuovo sul cuore il ciondolo e si rimette i guanti mentre si gira serena in direzione del grande vulcano; poi, lentamente, in silenzio, riprende il suo lavoro. Concentrata, felice, circondata da colori.

María Esther non conosce bene l’anima degli uomini, ma quella dei suoi fiori non ha segreti per lei.

‘Chissà mai come saranno i giardini in Francia?’


Il racconto finisce qui. 

Adesso se vuoi puoi:

  • Dare un seguito alla storia, puoi farlo scrivendo nei commenti.
  • Dirci se hai visitato questi posti, o conosciuto persone provenienti dal luogo della storia e raccontarci la tua esperienza e la tua opinione.

Appuntamento a domani ore 13:16′:41″ 

 

Se decidi di commentare e iscriverti al blog, riceverai per email una delle canzoni inserite nel prossimo album. In anteprima.

Elenco completo delle storie

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...