Piccola storia d’inverno

Foto: Valeria Bissacco

Lei. la sua Piccola mano. leggera, quasi fragile. A lei l’inverno, che ancora riga i vetri di piccole lacrime trasparenti, ha concesso la sua prima resa. Un anticipo della vita che verrà, quando finalmente si farà da parte e porterà via il suo ghigno severo.

La sua piccola mano conserva un tepore misurato, lieve. Poco per scaldare l’intero febbraio, ma prezioso. Tanto, per non provare a proteggerlo. Lei, la sua piccola mano con la sua piccola gemma di calore.

Lui. Grandi mani. Le luci blu su una strada grigia e vuota annoiano i suoi occhi, una lama di vento ferisce di gelo le sue guance e un cuore stanco per un viaggio mai iniziato veramente, che lo porta a cercare un riparo. Lui: un cane che cerca un cuscino.

Lui, voce che trema e sorriso abbozzato male. Le sue grandi mani tremano e cercano calore, pace, sollievo, comprensione.

Per egoismo, per necessità, per amore o per niente, eccoli. Vicini.

Lui trova, chiede, chiude quella piccola mano tra le sue.

Lei, testa bassa e sguardo dritto, si lascia cercare, corteggiare, nascondere.

Scompare. La piccola mano svanisce, inghiottita dal buio e dalle dita di uno sconosciuto. Lui prega perchè si liberi quel niente di primavera che quello scrigno così minuto custodisce. Prega che sia un dono. Che possa non sentirsi un ladro. Che non debba chiedere perdono.

Lei fa danzare le sue dita, tra quelle grandi mani che a volte allentano la presa. Perchè non siano costrette, obbligate. Lei muove la piccola mano libera di andarsene e non tornare. Rimane.

Loro. Le loro mani si cercano, si avvolgono, si proteggono, si rassicurano, forse si amano.

La piccola mano concede il suo segreto. Generosa, lo rivela. Le lacrime sul vetro fanno posto al sudore di uno scambio.

Un volo sulla pelle, un bacio raccolto a metà e un viaggio da proseguire che non dà riposo.

Mani che si allontanano in un addio pronunciato a denti stretti .

Un attimo. Solo un attimo.

L’inverno è stato vinto, ma per un attimo troppo breve.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...