Mi sarò chiesto almeno un centinaio di volte

Cosa c’è li fuori che cosa posso incontrare

Se posso andare allo sbaraglio

e allora respirando a fondo prendo coraggio

ostento sicurezza e chiedo un punto di vista

un po’d’aiuto o un buon consiglio

E c’è chi dice non c’è nessun pericolo / Si mi hanno detto non c’è nessun pericolo

Sostengono che a furia di augurarci fortuna

I lupi è già da un pezzo che si saranno estinti

sono contento… che meraviglia…

Sorrisi dappertutto e sguardi rassicuranti

braccia spalancate e pacche sulle mie spalle

qualcuno spiega “qui sei in famiglia”

E non preoccuparti non c’è nessun pericolo / Mi sento dire non c’è nessun pericolo

Ma carichi di pioggia all’orizzonte minacciano il sereno mi devo allontanare in fretta

Non si prevedeva la tempesta devo trovare asilo sperando che al più presto smetta

Nubi avvelenate e micidiali devo fare attenzione non posso neanche respirare

Lampi offendono la mia serenità non riesco neanche a urlare…urlare… urlare…

Scusate è stato un attimo di arrendevolezza

un lieve cedimento dei miei fragili nervi

ma adesso è tutto sotto controllo

Ritrovo l’ardimento e asciugo bene il sudore

valuto il tremore delle gambe e rifletto

non c’è problema, sono tranquillo

Qui mi hanno detto non c’è nessun pericolo / Se mi hanno detto non c’è nessun pericolo

Ma carichi di pioggia ormai si versano e infangano il terreno non devo impantanarmi adesso

Buio pesto e freddo siderale devo trovare il sole o anche soltanto un suo riflesso

Torbide lagune e stagni infetti mantengo le distanze per non rischiare di annegare

Acque paludose e sabbie mobili non devo sprofondare…

O mamma mia mamma io scappo via o mamma mia…

Torbide lagune e stagni infetti mantengo le distanze per non rischiare di annegare

Acque paludose e sabbie mobili non devo sprofondare…

 

(Album: Sempre scattando sempre in movimento)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *