Non mi sono ripreso dal trauma delle elezioni. Inutile negarlo. Magari approfondirò il mio pensiero in un prossimo post. Intanto pubblico un racconto di Gianni Rodari che ho trovato sulla bacheca facebook del mio amico Ivan Rufo.

Gianni Rodari è da tempo tra i miei autori preferiti. Ho già in repertorio un suo racconto che ho musicato col collettivo sindrome di peter pan: “La guerra delle campane”. Da cantautore ritengo che tentare di riscrivere qualcosa che un altro autore ha già scritto in maniera perfetta, sia quasi inutile. Meglio rendere omaggio e riportare.

E io riporto. Chi ha orecchie per intendere intenda.

“Il funerale della volpe” (Gianni Rodari)

Una volta le galline trovarono la volpe in mezzo al sentiero. Aveva gli occhi chiusi, la coda non si muoveva. – È morta, è morta – gridarono le galline. – Facciamole il funerale.
Difatti suonarono le campane a morto, si vestirono di nero e il gallo andò a scavare la fossa in fondo al prato. Fu un bellissimo funerale e i pulcini portarono i fiori. Quando arrivarono vicino alla buca la volpe saltò fuori dalla cassa e mangiò tutte le galline.

La notizia volò di pollaio in pollaio. Ne parlò perfino la radio, ma la volpe non se ne preoccupò. Lasciò passare un po’ di tempo, cambiò paese, si sdraio in mezzo al sentiero e chiuse gli occhi.

Vennero le galline di quel paese e subito gridarono anche loro:
– È morta, è morta! Facciamole il funerale.
Suonarono le campane, si vestirono di nero e il gallo andò a scavare la fossa in mezzo al granoturco.
Fu un bellissimo funerale e i pulcini cantavano che si sentiva anche in Francia.

Quando furono vicini alla buca, la volpe saltò fuori dalla cassa e si mangiò tutto il corteo.
La notizia volò di pollaio in pollaio e fece versare molte lacrime. Ne parlò anche la televisione, ma la volpe non si prese paura per nulla. Essa sapeva che le galline hanno poca memoria e campò tutta la vita facendo la morta.

E chi farà come quelle galline vuol dire che non ha capito la storia.

Immagine copiata da http://maestropucci.blogspot.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *